La natura dà spettacolo: gli scatti vincitori del concorso National Geographic


  • Un orango del Borneo che scruta l’ambiente circostante da dietro un albero mentre sta attraversando un fiume: è questa la miglior foto di natura del 2017 secondo il concorso fotografico del National Geographic. La foto è stata scattata ad agosto nel Parco nazionale Tanjung Puting del Borneo, da Jayaprakash Joghee Bojan, membro di Your Shot, la comunità fotografica di National Geographic. Lo scatto mostra la situazione critica dell’orango, specie a rischio estinzione che paga la perdita di habitat causata dalla crescita esponenziale delle piantagioni di palma da olio in Indonesia. In questa situazione il mammifero, che normalmente si muove sugli alberi, si trova a dover ricorrere a comportamenti inusuali, come guadare un fiume infestato dai coccodrilli. L’immagine che ha vinto il concorso, tra le 11mila prese in esame (e che si è aggiudicata il premio di 10mila dollari) è anche la prima classificata nella sezione “fauna selvatica”. L’autore della foto ha dichiarato. “Quando accadono cose del genere a volte diventi cieco: Non sai cosa sta succedendo. Non senti il dolore Non senti le punture di zanzara, non senti il ​​freddo, perché la tua mente è completamente persa in quello che sta accadendo di fronte a te”. La giuria ha adottato come criteri per selezionare le migliori foto, la capacità delle immagini di raccontare l’ambiente del nostro pianeta, la bellezza dei paesaggi e degli animali che vi abitano e le pressioni a cui è sottoposta la natura per colpa dell’uomo (Foto di Jayaprakash Joghee Bojan / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year © ANSA – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/) A cura di Antonella De Gregorio


  • Le foto, divise in quattro categorie (wildlife, paesaggi, foto aeree e foto subacquee) rappresentano il meglio della fotografia naturalistica amatoriale internazionale. Al secondo posto nella categoria “wildlife” la foto “Mother’s love”: un fenicottero rosso nell’atto di imboccare il suo piccolo nella penisola messicana dello Yucatan, ritratto da Alejandro Prieto (foto di Alejandro Prieto / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Terzo classificato categoria wildlife: “White fighters”, due aironi cinerini che “battibeccano” a Pusztaszer, Ungheria, mentre un’aquila di mare coda bianca sta a guardare (foto di Bence Mate / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Ha guadagnato una menzione d’onore la foto di Lance McMillan che mostra il primo piano di un macaco del Giappone che si concede un momento d’abbandono durante il grooming presso le famose sorgenti termali di Jikogudani, sull’isola di Honshu. Giappone. (foto di Lance McMillan / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017)


  • La scelta del pubblico: “Great Gray Owl”, un allocco di Lapponia, o grande gufo grigio, che sta per piombare sulla sua preda. La foto è stata scattata da Harry Collins a Newport, New Hampshire, Stati Uniti (foto di Harry Collins / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Primo classificato nella categoria paesaggi: “Firefall”: poco prima del crepuscolo a Kalapana, Hawai’i, la roccia fusa sbuffa sotto il flusso di lava provocando uno spruzzo infuocato (foto di Karim Iliya / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year -http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Secondo classificato categoria paesaggi: “Dushanzi Grand Canyon”, a Xinjiang Uygur Zizhiqu, Cina, dove i aggi solari fanno risaltare i diversi colori degli strati minerali (foto di Yuhan Liao / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Terzo classificato categoria paesaggi: “Illuminate”. Un temporale estivo scarica fulmini sul South Rim del Grand Canyon, Arizona, Stati Uniti (foto di Mike Olbinski / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Menzione d’onore categoria paesaggi: “Cold and misty”. La foschia del mattino offusca gli alberi morti del lago Cuejdel, una riserva naturale della Romania (foto di Gheorghe Popa/ 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • La scelta del pubblico per la categoria paesaggi: “Kalsoy”. Il tramonto illumina un faro e un arcobaleno alle isole Faer Oer (foto di Wojciech Kruczynski / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Primo classificato nella categoria “fotografia aerea”: “Rock Pool”. Vicino Sydney, a Collaroy, in Australia, l’Oceano Pacifico durante l’alta marea sommerge una pozza naturale tra le rocce ampliata negli anni ‘30 del secolo scorso (foto di Todd Kennedy / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Secondo classificato categoria fotografia aerea. “From above”. Gli abeti d’acqua coperti di neve inframezzano una strada di Takashima, in Giappone (foto di Takahiro Bessho / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Terzo classificato categoria fotografia aerea: “Drip”. Dai fianchi del vulcano Kilauea, alle Hawaii, la lava cola nell’Oceano Pacifico. Dopo l’eruzione all’inizio del 2016 la lava ha impiegato circa due mesi prima di arrivare al mare distante circa 10 chilometri (foto di Greg C. / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Menzione d’onore categoria fotografia aerea: “Life after life”. Gabbiani migratori spiccano il volo da un cedro posto al centro di un fiume glaciale nella British Columbia, Canada (foto di Agathe Bernard / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Scelta dal pubblico nella categoria fotografia aerea, “Meandering Canyon”: vegetazione verde sboccia sui bordi del fiume in un tortuoso canyon dello Utah. (foto di David Swindler / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Primo classificato categoria fotografia subacquea “Fluorescent Anemone”. Luci stroboscopiche azzurre stimolano pigmenti fluorescenti nei tentacoli trasparenti di un anemone a Hood Canal, Washington, Stati Uniti (foto di Jim Obester / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Secondo classificato nella categoria fotografia subacquea: “In Your Face”. Uno squalo Carcharhinus perezi, una specia solitamente molto timida, ispeziona una fotocamera azionata a distanza nei Jardines de la Reina, un’area marina protetta di Cuba (foto di Shane Gross / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Terzo classificato nella fotografia subacquea: “Flying fish in motion”. Tenuto a galla dalla Corrente del Golfo, un pesce volante sfreccia attraverso l’acqua buia al largo di Palm Beach, in Florida. Location: Palm Beach, Florida, Stati Uniti (foto di Michael Patrick O’Neill / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Menzione d’onore per la categoria fotografia subacquea: “Predators on a Bait Ball”. Preparandosi ad attacare, un tarpone atlantico passa attraverso un branco di carangidae a forma di fiocco al largo di Bonaire, nel Mar dei Caraibi (foto di Jennifer ONeil / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)


  • Scelta dal pubblico, nella categoria fotografia subacquea: “Drift”. Una caravella portoghese si avvicina a riva in una mattina d’estate: migliaia di questi celenterati finiscono sulle spiagge dell’Australia orientale ogni anno. la foto è stata scattata a Shell Cove, New South Wales, Australia (foto di Matthew Smith / 2017 National Geographic Nature Photographer of the Year – http://photography.nationalgeographic.com/nature-photographer-of-the-year-2017/)

    Location: