Ultimi sondaggi. Da Bologna i numeri che fanno tremare il Pd: Errani davanti a Casini

Quella di Bologna è una delle sfide di maggior valore simbolico delle prossime elezioni. Almeno per quello che riguarda la sinistra. Nella città rossa per eccellenza un centrista puro come l'ex presidente della Camera Pierferdinando Casini – candidato al Senato del Partito Democratico – dovrà vedersela con l'ex presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, una lunga storia politica che va dal Pci a Liberi e Uguali. La resa dei conti tra i dem e quei dirigenti (Bersani, D'Alema, Speranza) che dodici mesi fa hanno abbandonato il partito ritenendosi ormai del tutto non rappresentati dalla linea politica di Matteo Renzi. 

ATLANTE ELETTORALE Una chiave per leggere il voto italiano

 

IL SORPASSO.

E gli ultimi sondaggi realizzati da Sylla srl mettono nero su bianco il sorpasso. Se dal punto di vista nazionale tra il Pd e Leu non c'è storia (22-24% contro 5-6%) nel collegio di Bologna i valori si invertono. Nell'uninominale al Senato Vasco Errani è al 23% mentre Casini si ferma al 15,13%. Nell'uninominale alla Camera l'ex animatrice dei comitati per il No al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 Anna Falcone si attesta al 16,75% mentre il candidato del Pd Andrea De Maria è fermo al 12,87%. E per quello che riguarda il listino plurinominale della Camera, le preferenza vanno per il 19% a quello di Leu guidato da Pier Luigi Bersani mentre quello dei dem guidato da Carla Cantone è dato all'8%. 

 
RAPPORTI DI FORZA.
Risalendo al piano nazionale, le linee di tendenza si confermano stabili. Il centrodestra è l'unica coalizione che può aspirare a superare la soglia del 40% dei voti che (se unita a un buon risultato nei collegi uninominali) può determinare la maggioranza di seggi in Parlamento e la possibilità di costituire un governo senza ricorrere alle larghe intese. Per EMG la coalizione targata Berlusconi, Salvini e Meloni è al 37,4%: con Forza Italia al 16,1%, la Lega al 13,9%, Fratelli d'Italia al 4,6% e la quarta gamba di Noi con l'Italia al 2,8%. Nel centrosinistra (nel suo insieme al 27,9%) il Pd è al 22,8%, la lista +Europa di Tabacci e Bonino al 2,1%, Civica popolare della Lorenzin all'1% mentre Insieme è al 1,6%. Il Movimento Cinque Stelle, primo partito, al 27,3% mentre Liberi e Uguali è al 5,2%. 
 

I NUMERI DI POTERE AL POPOLO.

Da segnalare l'aumento di indicazioni di voto per Potere al Popolo, la lista nata dall'unione di Rifondazione Comunista con alcuni movimenti radicati soprattutto nel meridione d'Italia. Per Lorien Consulting, Potere al Popolo è al 2,4% (la soglia per entrare in Parlamento è fissata dal Rosatellum al 3%). Mentre per Termometro Politico, la lista di sinistra è all'1,5%. Nello stesso sondaggio colpisce il dato assegnato a CasaPound: la formazione neofascista di ultra-destra è data all'1,9% delle indicazioni di voto degli italiani. 
 

L'ASTENSIONE.

Infine uno sguardo in quel 40,5% degli italiani che si dichiara indeciso sulla partecipazione al voto o che ha già deciso che non si recherà alle urne. SWG ha chiesto di indicare uno o più motivo alla base di questa decisione. Per il 37% si tratta del "mio modo di protestare contro il sistema". Per il 34% "anche se votassi, non cambierebbe nulla". Per il 32% "non c'è un partito che mi rappresenti". Il 17% "non vuole legittimare questa classe politica". Al 16% "non interessa la politica". Il 7% ha "difficoltà a recarsi a votare" e il 3% "abita in un comune diverso rispetto a quello in cui ha la residenza".

© Riproduzione riservata