Germaniala più completaBrasile superLa Franciagli somiglia

Ha tratti fenomenali il Brasile. Neymar è nella sua migliore età, la moviola in campo l’aiuterà a subire meno falli. È una grande squadra giovane che non vince da molto tempo, una rarità per il Brasile. La qualità media fa quasi impressione in un tempo di poche eccezioni come questo. Douglas Costa, Willian, Firmino, Taison cadono nella lista quasi come effetti collaterali. Potenzialità simili ha la Francia. Mbappé è più «volgare» di Neymar nel suo gioco tutto potenza e scatti, ma si avvicina al suo rendimento. La Francia è potenzialmente un altro Brasile, abbina forza alla tecnica, il suo punto debole è che si divertono molto giocando. In un Mondiale devi saper vincere anche adattandoti, specie quando gli avversari diventano veri. Qualcosa non mi convince della Spagna, bella e veloce ma al suo livello forse ormai già vista.

Resta poco giudicabile l’Argentina. È arrivata a 13 punti dal Brasile nel torneo di qualificazione, un distacco infinito. Non vince niente da oltre venti anni pur avendo avuto i migliori giocatori più Messi. Adesso è un po’ vecchia, forse inadatta a un vulcano come Sampaoli. Se devo tirare conclusioni brusche vedo una finale Brasile-Germania, ma è soprattutto un problema di tabellone. La finale che mi piacerebbe vedere è Brasile-Francia. Lo snodo vero sarà ai quarti dove credo si troveranno Spagna e Argentina. Sarà quella l’unica eliminazione diretta fra le cinque migliori. Kane, Werner, Gabriel Jesus, Golovin, Milinkovic potrebbero essere le sorprese. Ma la sorpresa vera sarà la moviola in campo. Nessuno ci capirà niente, per la prima volta tutto il mondo litigherà in diretta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA