Mondiali 2018, francesi allo scoperto: ecco le 19 ragioni (più una) per cui i Bleus vinceranno

E allora vediamo l’elenco scelto dall’Obs:

• la Francia ha chiuso in testa il gruppo C, proprio come nel 1998;
• ogni volta che la Francia ha vinto un torneo Europeo o Mondiale ha dovuto fronteggiare la Danimarca nei gironi (1984, 1998, 2000);
• nelle sue prime quattro partecipazioni alla Coppa del Mondo il Perù ha incontrato la squadra che poi avrebbe vinto: 1930 Uruguay, 1970 Brasile, 1978 Argentina, 1982 Italia. Adesso c’è stata la Francia;
• nel torneo i Bleus hanno sfatato tre «maledizioni sudamericane»: mai in gol contro il Perù, senza gol contro l’Argentina dal 1986, senza gol contro l’Uruguay dal 1985;• Pavard, Varane, Umtiti: tre difensori sono già andati a segno, come avvenne nel 1998 (Lizarazu, Blanc, Thuram);

• la scaramanzia preferita dei tifosi francesi: Benjamin Pavard, in 30 partite in campo con la Nazionale, non ha mai perso: 4 partite con l’Under 19, 15 con la Under 21, 11 in Nazionale maggiore;

• Punti in comune tra le squadre del 1998 e del 2018: i tre mediani di centrocampo, Karembeu-Deschamps-Petit allora, Kanté-Pogba-Matuidi adesso; i giovani che si stanno rivelando al mondo (Henry e Trezeguet allora, Mbappé oggi);

• I paralleli lanciati giovedì dall’Équipe: Lloris decisivo come Barthez; Mbappé precoce proprio come Henry, ed entrambi arrivati alla finale con 3 gol segnati;

Il bacio alla testa di Barthez (Reuters)
Il bacio alla testa di Barthez (Reuters)

• Assenza di… Calvi nella squadra, e questo potrebbe giocare contro (il bacio di Blanc alla testa del portiere Barthez è ancora un’immagine iconica della Coupe du Monde de France 1998): il gesto portafortuna è stato però sostituito dalla lisciata dei baffi di Adil Rami;
• Capitan Lloris ha raggiunto le 103 presenze in Nazionale: proprio il numero di presenze del suo c.t., Didier Deschamps, che era capitano venti anni fa;
• Contro l’Argentina Kylian Mbappé è diventato il primo calciatore francese a segnare una doppietta in una partita a eliminazione diretta dal… 1998 (Zinédine Zidane), i più giovane goleador transalpino di Coppa del Mondo (da Trezeguet 1998) e il primo marcatore a essere nato proprio dopo quella vittoria;

• Lo stesso Mbappé («Kyky») è il più giovane atleta dai tempi di Pelé ad aver segnato tre gol in un Mondiale, questo lo renderebbe automaticamente candidabile al Pallone d’Oro. E l’ultimo francese ad aver vinto il premio è stato Zidane, inutile ricordare in che anno;

• Blaise Matuidi contro il Belgio ha realizzato con successo 6 tackle: l’ultimo Bleu a essere riuscito in questa impresa era stato Didier Deschamps (contro l’Italia e sì, sempre nel 1998). Alla stessa stregua, contro l’Uruguay Paul Pogba ha vinto 14 duelli, come fece Bixente Lizarazu nel Mondiale di casa, contro la Croazia;

• La stessa Croazia che ha raggiunto (e vinto) le semifinali, fattore che non capitava proprio dal 1998;

• In più, ed è forse l’unico dato non scaramantico ma reale, i balcanici hanno già giocato 90’ più della Francia, andando ai supplementari contro Danimarca, Russia e Inghilterra;

• Il videogioco: a marzo una simulazione effettuata da Football Manager l’ha detto, vince la Francia. In finale segnano Griezmann e Mbappé (occorre dire, però, che il test aveva portato in finale la Spagna);• Il Real Madrid ha vinto la Champions League, la Juventus il campionato italiano, il Barcellona quello spagnolo e il Paris Saint-Germain ha realizzato la doppietta Coppia di Francia-Coppa di Lega (come nel 1998);

Non vi basta? Usciamo dal puro calcio:
• a maggio Israele ha vinto il Festival dell’Eurovisione. Non succedeva da che anno?
• il presidente francese Emmanuel Macron domenica sarebbe stato comunque a Mosca per incontrare Vladimir Putin. Sì, certo, parleranno solo di geopolitica…

Il 20° punto glielo regaliamo noi italiani: domenica sarà un giorno dopo il 14 luglio, la fête nationale de la République, non vorranno di certo gâcher, rovinare, il clima di festa. Se il 14 luglio è la presa della Bastiglia, il 15 sarà quello della presa del Cremlino: sono due fortezze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA