Ortigia sostenibile:spiaggetta Isola “sacrificata” in favore di cosa?

Siracusa- Il Comitato Ortigia Sostenibile esprime perplessità sui lavori in corso nella porzione di spiaggia libera superstite del Lido Sacramento all’Isola e si chiede se la fruizione pubblica dell’arenile, già ridotto alle dimensioni di poco più di un fazzoletto, durante la prossima stagione balneare, sarà sacrificata ulteriormente  per la realizzazione di qualche infrastruttura, tipo un parcheggio.
“Nei giorni scorsi – si legge nel comunicato stampa- la spiaggia è stata completamente spianata da due ruspe; al termine del lavoro lungo tutta la spiaggia è stata installata una barriera continua, al limite con la strada comunale. Oggi la spiaggia non è più fruibile, pur essendo, “si presume”, demaniale. Un cartello apposto indica l’autorizzazione del Comune per l’installazione della recinzione. La spiegazione più ovvia sembrerebbe che tutto si stia predisponendo per l’allestimento di un parcheggio, ad uso dei ristoranti della zona”.
“Già da tempo- continua la nota- ben documentato, e sotto gli occhi di tutti, la spiaggia è stata invasa e coperta progressivamente con materiale di riporto, lasciandone libera solo una piccola parte. Se si avvererà il progetto che sembra annunciato dai lavori già in corso, l’intera spiaggia, o meglio, ciò che resta, sarà riservata ai proprietari dei locali e a chi usufruirà dei parcheggi. Nell’attesa di poter comprendere cosa sia accaduto sul piano tecnico-amministrativo, chiediamo intanto al Comune ed all’Autorità Marittima se e quali autorizzazioni siano state rilasciate per i suddetti lavori, che, inequivocabilmente, andranno a favore dei proprietari dei locali che insistono sul quel tratto di strada, e di fatto cancelleranno irrimediabilmente la spiaggia, alterando, tra l’altro, anche la prospettiva del panorama sul Porto Grande. E a questo proposito, trattandosi di linea di costa del Porto Grande, vincolato dal Piano Paesaggistico, chiediamo formalmente alla Soprintendenza di Siracusa se è stata chiesta e in questo caso rilasciata, l’autorizzazione paesaggistica”.