Favara. Contro il racket e l'usura, presentato vademecum per accedere al Fondo di Solidarietà

Il Commissario Straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura oggi a Favara. Tema all’ordine del giorno, le procedure per l’accesso al Fondo di Solidarietà.

Un vademecum per mostrare le procedure per l’accesso al Fondo di Solidarietà, un beneficio del Ministero destinato alle vittime di estorsione e dell’usura. È questo quanto presentato stamane al castello Chiaramonte di Favara dal Commissario Straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, il Prefetto Domenico Cuttaia.

Si tratta di somme economiche, in alcuni casi senza obbligo di restituzione, in altri a interessi zero, messe a disposizione di vittime che hanno subito e denunciato un danno per estorsione o usura. Cuttaia ne ha parlato presso la Sala del Collare alla presenza di istituzioni, tra gli altri: il sindaco in fascia tricolore Anna Alba, il comandante della locale Tenenza dei Carabinieri, il Tenente Giovanni Casamassima, il Comandante Davide Guzzi, Caposervizio Operativo della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle, il Primo Dirigente della Polizia di Stato, Fatima Celona, in rappresentanza del Questore Maurizio Auriemma.

Oltre a loro, anche le scolaresche cittadine degli istituti superiori, rappresentanti dell’amministrazione e del Comune e alcuni cittadini.