Premier giapponese Abe vuole accelerare il dialogo con Putin sulle isole Curili

Vladimir Putin e Shinzo Abe (foto d'archivio)

©
Sputnik . Sergey Guneev

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe intende proporre a Vladimir Putin l’accelerazione dei negoziati per risolvere la questione territoriale dell’arcipelago delle Curili, scrive il quotidiano Mainichi citando fonti nel governo a Tokyo.

Secondo la pubblicazione, l’argomento di discussione sarà la prospettiva di stipulare il trattato di pace sulla base della dichiarazione congiunta sovietico-giapponese del 1956, in cui Mosca accetta la possibilità di trasferire al Giappone le isole Habomai e Shikotan dopo la firma di un trattato di pace, mentre le isole Kunashir e Iturup vengono escluse dalle trattative.

Secondo Mainichi, Abe intende ribadire la disponibilità di Tokyo ad implementare la dichiarazione del 1956 con il trasferimento di Habomai e Shikotan dopo la firma del trattato di pace.

La posizione ufficiale delle autorità giapponesi è stata finora opposta: il trasferimento di tutte le Curili del Sud e solo successivamente la firma di un trattato di pace. Allo stesso tempo la proposta includerà anche la possibilità di discutere la sovranità di Kunashir e Iturup, che non sono menzionate nella dichiarazione.

La pubblicazione ricorda che Abe prenderà parte al summit dei Paesi Asean a Singapore il 14 e 15 novembre e scrive che intende offrire a Putin l’accelerazione dei negoziati. Pertanto Abe si aspetta che Mosca e Tokyo saranno in grado di raggiungere un accordo di massima durante la visita di Putin in Giappone nel giugno 2019 durante il vertice del G20.