Serie A. Atalanta Inter, forfait di Palomino

Tegola per l’Atalanta alla vigilia della partita con l’Inter a Bergamo dell’ora di pranzo (12.30) allo stadio di Bergamo. José Luis Palomino, in teoria l’uomo da spendere su Mauro Icardi per arginarlo, ha dovuto dare forfait per una contusione al polpaccio destro ed è rimasto fuori dalla lista dei convocati di Gian Piero Gasperini. Il problema risalirebbe a venerdì e nella rifinitura di oggi a Zingonia sono venute meno le ultime possibilità di recupero per il difensore centrale, costringendo di fatto il suo allenatore a optare per una linea difensiva inedita con Mancini, Djimsiti e probabilmente il 2000 Bettella oppure un esterno adattato come Castagne o Ali Adnan. Tra gli infortunati infatti c’è anche Andrea Masiello che non ha recuperato dalla lesione al tetto femorale destro risalente a ottobre. Per completare l’elenco dei 22, inserito il fantasista della Primavera classe 2000 Dejan Kulusevski, nazionale svedese Under 19.

Spalletti per l’8/a di fila, e difende Mourinho – L’ultima volta in cui l’Inter ha messo in fila otto vittorie in campionato era il 2008/09 e in panchina c’era uno dei grandi protagonisti degli ultimi giorni, José Mourinho. Contro l’Atalanta l’occasione per Luciano Spalletti sarà ghiotta, per eguagliare l’ex rivale e soprattutto dare continuità ai risultati. A Bergamo sarà una trasferta “insidiosa, con grado di difficoltà massimo”, ha spiegato il tecnico. Difficoltà aumentate anche dalla probabile assenza di Radja Nainggolan tra gli undici titolari. “Si è messo a disposizione contro il Barcellona, ma è difficile domani possa essere della partita”, le parole di Spalletti. Il tema Mourinho, tuttavia, aleggia su Appiano Gentile quasi quanto la sfida di domani contro l’Atalanta. Il gesto verso i tifosi della Juventus ha fatto discutere, e Spalletti non si tira indietro. “Fino a quando si resta su fatti di questo livello, fa tutto parte dello spettacolo. Se si va a stuzzicare un leone, ci può stare ruggisca”, l’opinione dell’allenatore interista. “A mente fredda ha detto che non lo avrebbe fatto e siamo d’accordo. Lui ha ruggito, senza dare la dentata. Quello che è scorretto è sentire persone che insultano continuamente”.