Serie C, il Rende spezza la serie della Sicula Leonzio

Sicula Leonzio ( 4-3-3): Narciso 6; Talarico 5,5 ( 46′ De Rossi 5,5), Laezza 6, Ferrini 6 ( 46′ Aquilanti 6), Esposito M 6; Marano 6, Esposito G. 5,5 ( 46′ Cozza 6), Gammone 6, Sainz-Maza 5,5 ( 59′ Russo 6), Gomez 6 ( 76′ Vitale s.v), Ripa 6.
A disp. Polverino, Squillace, Petta, Giunta, Palermo, De Felice, La Cagnina.
All. Paolo Bianco 6.

Rende ( 3-4-2-1): Savelloni 6, Sabato 6,5, Germinio 6, Minelli 6; Viteritti 6 ( 91′ Di Giorno s.v), Awua 6,5, Franco 6 (61′ Cipolla 6), Blaze 6,5; Laarabi 6,5 ( 61′ Godano 6,5), Vivacqua 6 ( 83′ Galli s.v); Rossini 6. A disp. Borsellini, Calvanese, Sansone, Crusco, Palermo G. All. Francesco Modesto 7.
Arbitro: Ilario Guida di Salerno; assistente: Mattia Bartolomucci di Ciampino e Fabio Festa di Avellino.

Reti: 14′ Talarico (aut), 68′ Godano

Note: 1100 spettatori circa. Ammonit: Esposito M (L), Ripa (L), Ferrini (L), Vitale (L), Awua (R), Franco (R). Corner: 4-3. Recupero: 0′ e 4′.

Lentini. Il Rende batte la Leonzio e balza in testa alla classifica. Uno 0-2 che penalizza i bianconeri sconfitti tra le mura amiche dinanzi ad un grande pubblico che ha applaudito i propri beniamini al triplisce fischio. Bianconeri che si fermano a tre vittorie di fila mentre per la squadra calabrese solo 5 consecutive, ben 15 punti nelle ultime cinque gare.

Due squadre che sin dal fischio d’inizio mostrano di volere conquistare l’intera posta in palio ma è il Rende ad avere le occasioni migliori e che trova il vantaggio con un auotorete di Talarico con un retropassaggio di testa che spiazza Narciso. La squadra di Modesto, che in alcune occasioni è apparsa più in partita, al 25′ ha l’occasione di raddoppiare con Vivacqua da pochi passi ma Narciso respinge. Alla mezzora la Leonzio chiede un calcio di rigore per un fallo su Gomez ma per l’arbitro non ci sono i presupposti e lascia giocare fino al 45′.

Nel secondo tempo i bianconeri entrano in campo con maggiore determinazione chiudendo il Rende nella propria area di rigore e al 54′ sfiora il pari con Gomez. Spingono i bianconeri ma al 63′ è il Rende a trovare il raddoppio con Godano, che approfitta di un errore difensivo.