Corinaldo, Gemitaiz cancella l'ultima tappa del tour per rispetto delle vittime

Gemitaiz (foto di Riccardo Dubitante)
in foto: Gemitaiz (foto di Riccardo Dubitante)

La tragedia che la scorsa notte, prima del concerto di Sfera Ebbasta, ha colpito il locale Lanterna Azzurra di Corinaldo (in località Madonna del Piano), Ancona, causando sei morti causate da un fuggi fuggi dovuto a uno spray al peperoncino spruzzato nel locale, ha prodotto reazioni a catena e cominciano i primi messaggi e le prime azioni di solidarietà da parte di artisti e agenzie di booking. Per rispetto nei confronti delle persone colpite, infatti, Magellano Concerti, una delle più note agenzie di booking ha annunciato la cancellazione del concerto del rapper Gemitaiz prevista questa sera a Nonantola – ultima tappa del suo “Paradise Lost Club Tour -, come si legge in un comunicato diffuso pochi minuti fa.

Il comunicato di Gemitaiz

“Nel rispetto delle vittime della tragedia avvenuta ieri sera alla Lanterna Azzurra di Corinaldo (AN), Magellano Concerti, il Vox di Nonantola, Tanta Roba Label e Gemitaiz hanno deciso di comune accordo di rimandare a data da destinarsi il concerto dello stesso Gemitaiz previsto per questa sera, sabato 8 dicembre, al Vox di Nonantola (Modena). Maggiori informazioni sull’eventuale rimborso dei biglietti e il recupero della data saranno comunicati lunedì 10 dicembre” si legge nella nota stampa diramata da Magellano.

Il messaggio di cordoglio di Sfera Ebbasta

In mattinata è intervenuto anche Sfera Ebbasta, al secolo Gionata Boschetti, che sulla sua pagina Instagram ha pubblicato un commento di cordoglio: “Sono profondamente addolorato per quello che è successo ieri sera a Corinaldo. È difficile trovare le parole giuste per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie” ha scritto il rapper milanese che ha sottolineato, appunto, la stupidità dell’uso dello spray al peperoncino, ringraziando tutti quelli che hanno permesso che la tragedia fosse ancora peggiore (“le ambulanze e le forze dell’ordine che hanno prestato soccorso durante la notte”). Per il rispetto alle vittime, quindi, Sfera ha annunciato di aver cancellato tutti gli impegni promo dei prossimi giorni, che lo vedevano impegnato in un giro di instore del Paese: “La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero”.