L'Italia contro il Getty Museum per ottenere la restituzione di una statua di Lisippo.

Victorious Youth (Greek, 300-100 BC) - detail

Lisippo: Gioventù vittoriosa (Greek, 300-100 BC)

Stando a una sentenza della corte suprema italiana, il Getty Museum dovrebbe restituire una statua in bronzo di 2000 anni acquistata per 4 milioni di dollari nel 1977 in Italia. L’antica statua greca della Gioventù vittoriosa, realizzata dallo scultore greco Lisippo tra il 300 e il 100 aC, fu trovata dai pescatori al largo della costa adriatica italiana nel 1964. Passò di mano in mano diverse volte e fu acquisita dal museo americano negli anni ’70. È una delle attrazioni più popolari della collezione Getty ed è stata oggetto di contestazioni sin dalla sua acquisizione. Tuttavia, l’Italia ha sempre sostenuto che il lavoro fosse stato esportato illegalmente, presentando per la prima volta una richiesta formale di restituzione quasi 30 anni fa. La disputa si intensificò in una battaglia legale durata 11 anni che si concluse mercoledì quando la corte suprema di Roma ha respinto l’appello del Getty e confermato l’ordine di rimpatrio emesso dal giudice pesarese Giacomo Gasperini a giugno. Citando i media italiani, il Guardian ha riferito che il procuratore di Pesaro Silvia Cecchi ha affermato che la sentenza era “l’ultima parola da parte del sistema giudiziario italiano”, insistendo sul fatto che la scultura “deve essere restituita”. Il recentemente nominato nuovo ministro della cultura italiano, Alberto Bonisoli, in una dichiarazione ha invitato il Getty a ottemperare immediatamente. Ad onta della sentenza, il Getty Museum sta tergiversando e ha promesso di appellarsi alla decisione della corte suprema, sostenendo che la scultura è stata scoperta in acque internazionali e ha fatto riferimento a una precedente sentenza della Corte suprema italiana che ha affermato che non si può determinare se l’opera d’arte fosse effettivamente di proprietà italiana.

Tag: