Battisti arrestato, post choc dell’assessore-scrittore: «Sono contro il carcere, per… – Il Messaggero


Violenza sessuale? Omicidi? Rapine? Per nessuno di questi reati, Christian Raimo, scrittore diventato assessore municipale, a Roma, prevederebbe il carcere. E neanche l'ergastolo. L'esponente di sinistra della giunta guidata da Giovanni Caudo, presidente del Municipio III, non nuovo a posizioni provocatorie sul suo profilo Facebook, ha scatenato le ire dei suoi assidui commentatori, spiazzati di fronte a questa tesi, condivisa proprio nel giorno dell'arresto di Cesare Battisti.  «Ho firmato quattordici anni fa un appello per la liberazione di Cesare Battisti – scrive sulla sua pagina- Ho conosciuto – ho lavorato insieme – a parenti di quelle che sarebbero le vittime di Battisti, ascoltato il loro dolore. 
Ho letto alcuni romanzi di Cesare Battisti e non mi sono mai piaciuti. Non ho mai festeggiato per la galera a qualcuno. Per me l'ergastolo andrebbe abolito, per me andrebbero abolite le galere». 

Una posizione argomentata dall'assessore alla Cultura – noto per gli eventi culturali organizzati senza aver chiesto tutte le autorizzazioni del caso – anche nei commenti a quanti lo contestano. «Sono per abolire l'ergastolo per primo – ha scritto – e poi le carceri». E ancora: «Sono contro il carcere per chiunque». 

LE REAZIONI. «È insopportabile leggere ancora cose come quelle scritte da Christian Raimo. Insopportabile che questo delirio venga dalla penna di uno che insegna in un liceo! Quando smetteremo di dare ai nostri figli questi pessimi maestri? Il presidente del III Municipio di Roma Giovanni Caudo non ha niente da dire sulle esternazioni del suo assessore alla cultura Raimo?», tuona il capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento Elisabetta Gardini. La Lega, nel III Municipio, chiede all'assessore di dimettersi. «Assurdità. Mettere in prigione i criminali è necessario – scrive su Facebook Riccardo R. – Battisti è un assassino e un terrorista, e merita il carcere. Appellarsi ai sentimenti e a De André è estremamente naif nella migliore delle ipotesi, ed estremamente disonesto nella peggiore. Sai benissimo che serve più delle canzoni per far funzionare una nazione». «Non aspettavamo altro che il primo commento a difesa di un pluriomicida», aggiunge Emanuele D. «Senta ma invece per quanto riguarda gli assassini di Stefano Cucchi? – chide un altro commentatore – Per loro anche una bella crociera al posto della galera? Che ne dice? E per i NAR? Loro pure lo vuole vedere a spasso? Ah no, loro no, perché non sono mica loro i protetti della sinistra al caviale che lei rappresenta». «Spero che Caudo ti sbatta fuori dalla giunta del III Municipio – auspica Paolo M. – gente come te fa solo danni, purtroppo, agli altri». 

  Ultimo aggiornamento: 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA