Omicidio Magliana: l’ombra della Banda, chi ha ucciso Andrea Gioacchini? – RomaToday

Le indagini vanno avanti. Chi ha ucciso Andrea Gioacchini? La Squadra Mobile di Roma procede con indagini serrate. Il nome di Augusto Giuseppucci, sul quale sono stati disposti accertamenti e che si trova a piede libero, è solo un passo, ma non è detto che sia la pista giusta.

Gli inquirenti lo hanno fermato poche ore dopo il delitto. Colpa, per così dire, di una corporatura simile a quella descritta da alcuni testimoni e di un passato noto alle forze dell'ordine. Il fratello di Giuseppucci era 'Er Negro' della Banda della Magliana, il 'Libanese' del Romanzo Criminale, morto nel 1980.

Fermato a Trastevere, Augusto Giuseppucci, aveva indosso un giubbetto, molto somigliante a quello descritto da testimoni durante l'agguato a Andrea Giocacchini. In Questura è stato sottoposto ai test dello Stub, esame che serve a rilevare le tracce di esplosivo nelle mani. L'avvocato del 65enne nega ogni coinvolgimento ai fatti delittuosi. La Polizia, nel frattempo, scava nel suo passato. E se fosse la pista giusta?

Si prova a capire il movente, indagando sul passato della vittima. Un debito di denaro o uno sgarbo relativo alla spaccio? Al momento, sono solo congetture. Il 34enne ucciso a Magliana non annoverava solo il giro di "droga" nel suo curriculum criminale ma anche detenzione di armi, usura, estorsione e lesioni personali

Le testimonianze del quartiere

Lo scorso 6 gennaio era appena uscito dal carcere di Civitavecchia. Si era presentato lì per scontare un cumulo di pene. Fra queste anche gli otto mesi patteggiati nel 2015, una faccenda che aveva visto coinvolta e condannata, tra gli altri, anche Tamara Pisnoli, ex moglie del calciatore Daniele De Rossi (qui la notizia). Trovare il movente dietro la sua morte non è affatto semplice. Così come capire chi ha premuto il grilletto.

Chi indaga mantiene il massimo riserbo nelle indagini. Un altro tassello è uno scooter trovato bruciato a Magliana dopo l'omicidio. È stato usato dal killer o è una vecchia carcassa? Il lavoro della Scientifica dirà di più. Per il resto tutto tace. Nelle prossime ora saranno riascoltati i parenti, gli amici e Alina, la moglie di Gioacchini ferita nell'agguato del 10 gennaio.

Poi ci sono i testimoni, genitori e residenti di Magliana, che hanno organizzato una fiaccolata per il 16 gennaio, anche il loro racconto sarà utile. Anche perché la zona davanti l'asilo Mais e Girasole, non è coperta da telecamere e questo non aiuta gli investigatori. Giuseppucci, tramite il suo avvocato, si dice sicuro di dimostrare la sua innocenza. Le indagini continuano. E' caccia all'uomo. Chi ha ucciso Andrea Gioacchini?