Salmone norvegese affumicato Hova Fine Foods richiamato per Listeria – ilfattoalimentare.it

salmone norvegese affumicato hova fine foodsIl ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di salmone norvegese affumicato a marchio Hova Fine Foods Aps per la possibile presenza di Listeria monocytogenesi. L’avviso è stato diffuso anche dai supermercati Esselunga.

Il prodotto interessato è distribuito in buste da 200 grammi, con il numero di lotto 0777-022 e la data di scadenza 07/03/2019. Il salmone richiamato è stato prodotto per l’azienda danese Hova Fine Foods Aps da Sia KH Select, nello stabilimento di Muizas Ieaza 18, nel comune di Adazi, in Lettonia (marchio di identificazione LV A024000 EK).

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare il salmone affumicato interessato dal richiamo e di restituirlo al punto vendita d’acquisto, dove sarà sostituito. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il produttore all’indirizzo e-mail hova@hova-fine-foods.dk.

Dal 1° gennaio 2019, Il Fatto Alimentare ha segnalato 18 richiami, per un totale di 46 prodotti, e 1 revoca. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che ogni anno riguarda  almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore. I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese