Champions, Ajax-Real 1-2: Benzema più Asensio, i blancos ipotecano i quarti

AMSTERDAM– Soffrendo e con un pizzico di fortuna, il Real batte (1-2) ad Amsterdam per la settima volta consecutiva l’Ajax e ipoteca la qualificazione ai quarti di Champions League. Non è stato, però, affatto facile per i campioni d’Europa in carica rispettare i pronostici contro una squadra che le ha davvero provare tutte per giocare un brutto scherzo ai più blasonati avversari.

PRIMO STORICO UTILIZZO DEL VAR IN CHAMPIONS – Non certo per il risultato, la gara di stasera passerà alla storia per il primo utilizzo del Var in Champions. E mai come stavolta si è trattato di un intervento provvidenziale. E’ servito, infatti, per annullare il gol dell’1-0 di Tagliafico che, a velocità normale, era apparso a tutti regolarissimo. Invece, grazie alla moviola, ci si è potuti accorgere di una maliziosa ostruzione di Tadic, tra l’altro in fuorigioco, ai danni di Courtois. E giustamente l’arbitro ha rimediato a un errore che, in passato, non sarebbe stato mai stato corretto.

PALO DI TADIC, GOL ANNULLATO A TAGLIAFICO – Il Real ha dovuto davvero rimboccarsi le maniche per frenare nel primo tempo l’onda d’urto biancorossa. Viaggiando a mille, l’Ajax ha tolto un tempo di gioco agli avversari ed ha creato pericoli a ripetizione a Courtois. Ha iniziato Mazraoui che, lanciato in area da Tadic, non ha trovato lo specchio con un destro in diagonale da favorevole posizione, hanno proseguito Tadic che, servito in area da Schone, ha colpito in pieno un palo col sinistro in girata, e poi Ziyech che, smarcato a tu per tu con Courtois da van de Beek, ha calciato malamente addosso al portiere in uscita. Dai e dai, il gol l’Ajax lo ha pure segnato, al 37′ con Tagliafico di testa dopo una maldestra respinta di Courtois sugli sviluppi di un angolo. Ma Skomina, come suddetto, grazie al supporto del Var, ha giustamente annullato. E il Real? Di rimessa ha provato a fare qualcosa con Vinicius e Bale ma le conclusioni dei due esterni non hanno creato problemi a Onana.

BENZEMA SBLOCCA IL RISULTATO, ZIYECH PAREGGIA – Nella ripresa le emozioni sono addirittura aumentate. Il Real ha impegnato severamente Onana con Benzema, l’Ajax ha replicato fallendo una ghiotta occasione con Neres, lanciato verso la porta. Per spezzare l’equilibrio, i blancos si sono affidati alla velocità di Vinicius. Il 18enne fenomeno brasiliano ha effettuato uno strappo da campione sull’out di sinistra, ha saltato due uomini a rientrare e ha servito un cioccolatino a Benzema che lo ha scagliato di destro sotto l’incrocio. Punto nell’orgoglio, l’Ajax ha reagito con carattere e, grazie all’innesto di una punta in più, Dolberg, ha pareggiato. Il 21enne danese ha mandato un’altra avvisaglia a Courtois spedendo alto un destro da favorevole posizione, meglio di lui ha fatto Ziyech che al 75′ ha girato in rete un cross dalla sinistra di Neres.

ASENSIO ENTRA E DECIDE LA PARTITA – Proprio nel momento psicologicamente più difficile, il Real ha tirato fuori l’esperienza per portare a casa l’incontro. Decisivo l’innesto di Asensio, entrato al posto di un malconcio Benzema: l’esterno ha iniziato a prendere per mano i compagni, guidando tutte le ripartenze. Per due volte ha spaventato Onana con altrettante conclusioni da fuori e poi ha siglato il gol-vittoria approfittando di un’uscita a vuoto del portiere su un traversone di Carvajal. L’Ajax ha tentato il tutto per tutto ma Dolberg lo ha tradito fallendo al 93′ il 2-2: lanciato a rete, è scivolato e da terra non è riuscito a dare al pallone la giusta forza per sorprendere Courtois che ha smanacciato. Il 2-1 rende così molto più sereno il ritorno del 5 marzo al Real. Anche senza Sergio Ramos che, malgrado una prova superlativa nel giorno delle 600 gare in maglia bianca, ha rimediato al 90′ il cartellino giallo che gli costerà la squalifica.

AJAX-REAL MADRID 1-2 (0-0)
Ajax (4-3-3): Onana; Mazraoui, de Ligt, Blind, Tagliafico; de Jong, van de Beek, Schone (28′ st Dolberg); Neres, Tadic, Ziyech. In panchina: Lamprou, Kristensen, Veltman, Sinkgraven, Huntelaar, de Wit. Allenatore: ten Hag.
Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Ramos, Nacho, Reguilon; Kroos, Casemiro, Modric; Bale (16′ st Lucas Vazquez), Benzema (28′ st Asensio), Vinicius (35′ st Mariano Diaz sv). In panchina: Navas, Vallejo, Marcelo, Ceballos. Allenatore: Solari.
Arbitro: Skomina (Slo) 6.
Reti: 15′ st Benzema, 30′ st Ziyech, 42′ st Asensio.
Note: ammoniti Ziyech, Reguillon, Lucas Vazquez e Ramos.
Angoli: 3-2.
Recupero: 2′; 3′.

© Riproduzione riservata