Filippine, liberata la giornalista d’opposizione Maria Ressa – Repubblica.it

Filippine, liberata la giornalista d'opposizione Maria Ressa
(afp)

Arrestata ieri, la direttrice del sito d'informazione Rappler è stata scarcerata su cauzione

MANILA – La giornalista filippina Maria Ressa, una delle "personalità dell'anno" della rivista Time, è stata liberata su cauzione all'indomani dell'arresto per diffamazione che ha suscitato la condanna dell'opinione pubblica mondiale. Ressa, 55 anni, direttrice del sito d'informazione Rappler è impegnata in un braccio di ferro con il presidente Rodrigo Duterte, ha pasasato la notte in cella dopo l'arresto di ieri nel suo ufficio. L'accusa per lei è di diffamazione, punibile con la reclusione fino a 12 anni, dopo che era già stata accusata, insieme al sito che dirige, di evasione fiscale. Il sito Rappler conduce una battaglia contro la mortale guerra antidroga, condotta da Duterte dal suo arrivo al potere nel 2016, che è già costata l'uccisione di migliaia di persone.

"Si parla di due cose, abuso di potere e uso improprio della giustizia", ha detto il giornalista dei media dopo aver depositato la sua cauzione in un tribunale di Manila. "Stiamo assistendo alla lenta morte della democrazia", ha aggiunto, visibilmente commosso. Ressa ha pagato 100.000 pesos (1.700 euro). Questa è la sesta volta che deve pagare una cauzione per evitare la detenzione dopo le molteplici azioni legali contro di lei. Ieri le condanne internazionali sono state immediate. "L'arresto di Maria Ressa è uno scandalo", ha detto Kathleen Carrol, presidente del Comitato per la protezione dei giornalisti. "Deve essere rilasciata immediatamente e il governo filippino deve interrompere i suoi attacchi a tutto campo a Rappler".

Anche l'ex Segretario di Stato Usa Madeleine Albright ha dato il suo sostegno. "L'arresto della giornalista @mariaressa è scandaloso e deve essere condannato da tutte le nazioni democratiche", ha scritto su Twitter.

© Riproduzione riservata