Grillo: “Abruzzesi ci ridiano 700 mila euro”. Contestato da no-vax – Sky Tg24

"Io accetto tutto, che il popolo abruzzese abbia deciso e ha fatto benissimo. Chiedo solo una cosa, ufficialmente: che ci diano indietro i 700 mila euro che gli abbiamo dato l'anno scorso, le 4 ambulanze e gli spazzaneve a turbina…". Beppe Grillo ha commentato così la frenata del M5s – fermo al 20% – nelle elezioni regionali abruzzesi. E ha ironizzato: "Sull'Abruzzo quello che sto prendendo adesso è il maalox, con la vaselina, insieme…”. Il comico pentastellato ha fatto riferimento alla recente tornata elettorale durante il suo spettacolo a Bologna, la sera del 12 febbraio. E proprio nel corso della sua performance sono arrivate delle contestazioni: un gruppo 'no-vax', verso la fine dello show, ha esposto una serie di striscioni e contestato Grillo per la sua adesione al Manifesto promosso dal virologo Roberto Burioni

La contestazione dei no-vax contro Grillo a Bologna         

Ad alzarsi in piedi è stata una quindicina di persone nella prima fila della balconata del teatro dove si stava esibendo il comico. Negli striscioni c'era scritto 'Libertà di scelta' e 'I morti da vaccino esistono – Grillo dimissioni subito' (I MOVIMENTI CHE DICONO NO AI VACCINI). Anche alcune persone dalla platea hanno urlato contro Grillo che è stato costretto a interrompere il suo monologo e ha cercato di dialogare con i contestatori, silenziati e fischiati dagli altri spettatori. Di fronte alle accuse di tradimento, Grillo ha risposto: "Non ho tradito, non sono più il capo politico di un partito. Non venite a menarmela: con quello che ho fatto per questo Paese, io non me lo merito. A volte la sanità è mancanza di informazione".

Leggi tutto