La nuova collezione di scarpe Louboutin ispirate al Marocco è qualcosa di magico mai visto prima

Louboutin scarpe tendenze moda 2019

Getty ImagesChristian Vierig

Qual è quel luogo dove si cammina guardando l’Atlante che saluta da lontano, fra muri baciati dal sole, tendaggi preziosi, giochi di luce e di ombra che coccolano lo sguardo? Qual è quel luogo dove si scopre il colore delle palme e della terracotta smaltata, delle pareti intarsiate e dei sapori delle spezie mediterranee? Il Marocco! Culla dei sogni di viaggio e, udite-udite, anche dei desideri couture della Primavera Estate 2019. La nuova collezione di scarpe Louboutin si immerge nell’atmosfera della Città d’Ocra, e abbraccia lo stile del Royal Mansour, luxury hotel di Marrakech, al quale “ruba” dettagli e colori: babbucce iper flat dorate dal fascino che guarda altrove. Le scarpe Louboutin ispirate al Marocco, sono le Louboutin per girovagare fra le vie sconnesse della Medina, attraversare una strada assolata di una città di mare italiana o di una capitale europea.

Pubblicità – Continua a leggere di seguito

Le scarpe-tendenza Louboutin somigliano alle classiche babbucce di manifattura marocchina, hanno la punta sottile, i colori che giocano in equilibrio tra le sfumature oro, argento e cammello. Le Louboutin, scarpe marocchine, sono le scarpe da sogno decorate con mosaici e fantasie, ispirati ai dettagli architettonici del Royal Mansour, che decorano tutta la superficie di queste mules senza tacco e vengono ripresi sul tallone, creando una sublime simmetria. Immancabile anche questa volta, la suola rossa, accesa e sgargiante, che contrasta le vibrazioni marocchine, ricordando l’origine parigina di una fra le scarpe più amate di sempre. Sigillato il patto di stile fra Marrakech e Parigi, indossate le scarpe Louboutin che chiamano pantaloni vaporosi e abiti tuniche, ma anche gonne plissettate e lunghi vestiti chemisier, e iniziate la passeggiata immersa nella sartorialità e nel savoir-fare. Dirigetevi verso il Royal Mansour di Marrakech, unico luogo in cui si trovano le babbucce dorate di Louboutin – per adesso, e poi chissà – e acquistate le scarpe più belle, concepite in un edificio custode del tempo, costruito da un re, proiettato verso la moda.