Omicidio Pagliuso, Ordine degli avvocati si costituisce parte civile

Anche il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme si è costituito parte civile nel processo che vede Marco Gallo accusato di essere il sicario che la sera del 9 agosto 2016 uccise l’avvocato penalista Francesco Pagliuso.

Il consiglio dell’ordine, guidato da Antonello Bevilacqua, spiega questa scelta come legata «all’interesse dell’intera Avvocatura lametina».

 

Il processo prenderà il via il 19 febbraio. Marco Gallo, 33 anni, consulente, residente a Falerna, era considerato fino a poco tempo fa un insospettabile. Ora su di lui pendono tre accuse di omicidio. Sarebbe sempre lui il killer che avrebbe sparato uccidendolo il fruttivendolo di origini rom Francesco Berlingieri e il dipendente delle Ferrovie della Calabria Gregorio Mezzatesta.

 

LEGGI ANCHE:

 

Omicidio Pagliuso, chiesto il rinvio a giudizio per Marco Gallo

Omicidio Pagliuso, il ricordo della sorella: «Era un esempio, emulatelo»

Omicidio ordinato dagli Scalise, parla la sorella di Pagliuso

Il killer di Pagliuso e la polizza sulla vita da destinare agli Scalise

Operazione Reventinum, Pagliuso raccontò il suo sequestro ai colleghi prima di essere ucciso

’Ndrangheta, i fermati accusati del sequestro dell’avvocato Pagliuso ucciso due anni dopo

Omicidio Pagliuso, l’avvocato smentisce il pentimento di Gallo