Berti: "Mai considerato Juve antipatica"

© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Berti: "Mai considerato Juve antipatica"

Nicola Berti, ex centrocampista dell’Inter, è stato intervistato da FCInter1908.it. Ecco le sue parole:

Buonasera Nicola. Allora, è tutto pronto per questo derby. Quanto è decisivo?

E’ un derby molto più che decisivo. Siamo in una situazione abbastanza delicata. Se guardiamo agli ultimi risultati, il Milan arriva favorito, perché viene da una striscia molto positiva, mentre noi no. Il derby si sa che a volte non segue queste logiche. Che dire, speriamo in bene. Ormai ci è rimasto di sperare nella sorte, nella fortuna.

Come si vince una partita come questa?

Giuro, questa è una delle domande più difficile a cui rispondere in questo momento, anche perché è un’Inter in difficoltà, che non ha tutti i suoi giocatori in forma e con molti infortunati. E’ una situazione abbastanza pesante, ma è la partita giusta per potersi risollevare. Io sono sempre positivo e in questo momento c’è bisogno di positività, anche durante la gara. Io, che sono un grande tifoso, ci spero. In questo periodo dobbiamo aggrapparci anche a queste cose.

Cos’è che secondo lei non ha fin qui funzionato in questa stagione?

Nella prima parte di stagione, nel momento clou tra settembre e ottobre, siamo stati molto sfortunati dal punto di vista degli infortuni e degli indisponibili. Penso a Nainggolan, a Icardi. I giocatori più importanti si sono sempre alternati in una rosa di per sé già non troppo ampia e tutto questo ha sbilanciato l’equilibrio

Lei, quando giocava, sentiva di più la rivalità con il Milan o con la Juventus?

Certamente quella contro il Milan. Devo dire la verità, la Juventus non l’ho mai considerata una squadra “antipatica”, per non dire altro.