Ferrari: delusione, ma non panico, pensando a una stagione che sarà lunga

Il valore della Mercedes non è dato tanto dalla prestazione che ha regalato a Lewis Hamilton l’ottava pole position a Melbourne, quanto dalla performance di Valtteri Bottas che è arrivato ad appena 112 millesimi di secondo dal cinque volte campione del mondo.

La W10 è una monoposto che segue la genealogia delle vetture iridate e che dal 2014 hanno dominato l’era ibrida della F1: Toto Wolff e i suoi piloti avevano fatto molta pretattica dopo i test invernali di Barcellona, ben sapendo di avere in mano una carta vincente che ha portato alla ribalta anche lo scudiero Valtteri.

Il manager austriaco aveva visto la Ferrari davanti con un margine di mezzo secondo sulla freccia d’argento, mentre Mattia Binotto scommetteva sulla superiorità iniziale delle Mercedes e il team principal del Cavallino non si è sbagliato, anche se, forse, non si aspettava un distacco di sette decimi nel giro secco.

Ma cosa non ha funzionato sulla Rossa? Perché se a sorprendere è stato il pesante distacco dalle frecce d’argento di sette decimi, non si può non notare che la Haas è arrivata solo a quattro decimi dalla SF90 di Charles Leclerc, quando sarebbe stato lecito aspettarsi un margine di un secondo.

La Ferrari, invece, ha pagato “sopra” come “sotto” un gap che testimonia come non siano state solo le frecce d’argento a eccellere, ma soprattutto le Rosse a mancare. Perché Romain Grosjean e Kevin Magnussen le “Ferrarine” by Dallara le hanno portate al sesto e settimo posto, arrampicandosi fino a essere i primi degli… altri. Per la Haas la prestazione australiana vale quanto una pole, mentre lo “schiaffo” preso a Maranello brucia più del solito.

C’è chi con cinico godimento non fa altro che ripetere che tutto sommato il distacco Mercedes – Ferrari è lo stesso dello scorso anno. È vero, ma non può essere materia di compiacimento. Il fatto è che se Barcellona con i curvoni veloci ha esaltato la guidabilità della SF90, l’Albert Park ha messo in piazza i suoi difetti nel lento. E il reale comportamento della Rossa probabilmente starà a metà fra i due limiti e il mondiale si giocherà su chi saprà evolvere la propria monoposto più in fretta.

Lo avevamo giù scritto in sede di presentazione della macchina: la Rossa ha soluzioni aerodinamiche estreme (alcune saranno copiate anche dalla Mercedes come l’ala anteriore), mentre a livello meccanico la W10 sembra essere più all’avanguardia e avere più margine di sviluppo specie in condizioni di asfalto con poco grip.

Un fatto è certo: l’anno scorso gli uomini del Cavallino erano soliti raccogliere i dati di pista del venerdì per trasferirli al remote garage e nella notte c’era chi macinava ore al “ragno”, il simulatore del Cavallino, per restituire soluzioni di setup adeguate per affrontare il sabato con il pieno potenziale della Rossa.

L’incantesimo sembra essersi rotto e non crediamo che sia perché al posto di Antonio Giovinazzi e Daniil Kvyat, che si sono meritati entrambi i galloni da piloti titolari di Alfa Romeo e Toro Rosso, sia arrivato il tedesco Pascal Wehrlein nel ruolo di simulator driver (Brendon Hartley correva negli USA).

Melbourne per la Ferrari è un tracciato da prendere con le pinze: non è una pista indicativa per la stagione (la è molto di più Barcellona) ma non ci sorprenderemmo affatto se ai guai di assetto non risolti, sia mancato anche qualche cavallo di motore, rinunciando almeno in parte alla mappa da qualifica per non mettere in crisi il turbo o il sistema di sovralimentazione, sapendo che tanto la Rossa non sarebbe stata in lizza per la pole, nella piena consapevolezza che la stagione 2019 sarà lunga, molto lunga con soli tre motori.

La SF90 dispone di pance molto rastremate e di sfoghi dell’aria calda minimi rispetto allo scoro anno per guadagnare in efficienza aerodinamica: Haas e Sauber, in questo campo, hanno masse radianti maggiorate (più peso) e aperture più generose (più resistenza all’avanzamento), per cui non hanno avuto alcun timore a trarre il massimo dalla power unit, mentre a Maranello per l’Albert Park si sono limitati ad accrescere leggermente la carrozzeria in coda alle fiancate.

E non è un caso che nella top ten della qualifica ci siano ben cinque motori Ferrari, oltre a tre Mercedes, un Renault e un Honda. Il “cuore” è in grado di pompare cavalli nella power unit e adrenalina nella squadra, ma solo quando ce n’è bisogno, senza prendere rischi inutili.

Non dovremmo sorprenderci, quindi, se in gara il gap dalle frecce d’argento si comprimerà sensibilmente, aprendo ben altri scenari.

Un rammarico nella Scuderia sicuramente c’è: è vedere Charles Leclerc dietro a Max Verstappen. I due giovani si conoscono bene e non si sono mai risparmiati le ruotate nelle categorie minori per “segnare il territorio”. Il monegasco è arrivato alla Ferrari come un predestinato e certamente l’olandese farà tutto il possibile per contrastare il passo allo storico rivale.

Il debuttante ferrarista dovrà decidere se sfidare subito Max, per aiutare Sebastian all’inseguimento delle W10, oppure se eviterà guai in partenza aspettando l’evolversi della corsa. Perché al resto ci penseranno le ali anteriori larghe quanto le gomme…

Scorrimento

Lista

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, nella pit lane

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, nella pit lane

1/13

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Sebastian Vettel, Ferrari, parlano dopo la qualifica

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Sebastian Vettel, Ferrari, parlano dopo la qualifica

2/13

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

3/13

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

4/13

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90

5/13

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Conferenza stampa: il terzo classificato Sebastian Vettel, Ferrari

Conferenza stampa: il terzo classificato Sebastian Vettel, Ferrari

6/13

Foto di: Erik Junius

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

7/13

Foto di: Joe Portlock / LAT Images

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Sebastian Vettel, Ferrari nel Parco Chiuso

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Sebastian Vettel, Ferrari nel Parco Chiuso

8/13

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90

9/13

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari

10/13

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90

11/13

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Meccanici spostano un’ala anteriore per la Ferrari SF90

Meccanici spostano un'ala anteriore per la Ferrari SF90

12/13

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Il muretto dei box del Cavallino

Il muretto dei box del Cavallino

13/13

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images