Gelate al Sud, salasso per frutta e verdura I commercianti: «Solo rialzi temporanei» – L’Eco di Bergamo

A febbraio l’indice dei prezzi al consumo si è attestato sul territorio a +0,2% e a contribuire sono stati proprio i prodotti della terra, con le zucchine che nelle scorse settimane hanno toccato anche i cinque euro al chilo per poi rientrare a 2,50.

Frutta e verdura più care spingono l’inflazione a Bergamo. A febbraio infatti l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic) si è attestato sul territorio a +0,2%, con il tasso tendenziale rispetto allo scorso anno che è salito a +0,8% rispetto al +0,5% registrato il mese scorso. E a contribuire in maniera decisiva al segno positivo sono proprio i prodotti della terra, che segnano un aumento del 3,4%, di gran lunga la variazione più importante di tutto il paniere.

Accade così ad esempio che le zucchine – da sempre uno dei punti di riferimento nel settore per valutare l’andamento dei prezzi – siano arrivate a costare nelle scorse settimane fino a 5 euro al dettaglio, per poi rientrare ai circa 2,50 euro attuali.

Colpa del meteo, in particolare delle gelate al Sud, che hanno reso difficile reperire ad esempio coste, catalogna e verdure in foglia. Ma, precisano i commercianti, «si tratta comunque di oscillazioni standard, che non hanno portato a sostanziali modifiche dei prezzi. Molto dipende dal tempo, in particolare in inverno quando la maggior parte dei prodotti arriva dal Sud dell’Italia».

Leggi di più su “L’Eco di Bergamo” in edicola il 17 marzo oppure acquistando a 0,99 euro la copia digitale sul sito www.ecodibergamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri articoli Articoli più letti