Superbike, Gara 1 Thailandia. Rinaldi rimonta fino all'8° piazza. Indietro Delbianco

Nel caldo torrido del Chang International Circuit (35 gradi la temperatura dell’aria e 47 quella dell’asfalto) arriva una grande rimonta e un buon risultato per Michael Ruben Rinaldi, che è riuscito a portare la Ducati del team Barni all’ottava piazza. Scattato dalla sesta fila Rinaldi è riuscito a guadagnare due posizioni allo start, poi dopo poche curve ha passato Markus Reiterberger, mentre al giro successivo è riuscito a mettersi alle spalle anche Jordi Torres e Leon Camier.  

Quando Laverty è caduto davanti a lui Rinaldi è entrato nella top 10 della classifica. All’ottavo giro, dopo aver sorpassato Sykes, il portacolori del Barni Racing Team ha fatto segnare il suo giro veloce in gara con 1’33.892. A suo agio con la Ducati Panigale V4 R  Rinaldi ha tenuto un passo solido nella prima parte di gara con un ritmo costante in 1’34 basso, questo gli ha permesso di andare a prendere anche Cortese, sorpassato al giro 14. Con sei tornate ancora da compiere il riminese ha cercato di difendere la sua settima posizione, ma proprio all’ultimo giro ha subito il nuovo ritorno di Cortese e ha dovuto cedergli il passo.

Come già successo in Australia Rinaldi, dopo prove complicate, ha dimostrato in gara di saper reagire alla grande tirando fuori un’ottima prestazione. Con gli 8 punti guadagnati il pilota del Barni Racing Team sale a quota 17, in nona posizione nella classifica generale. “Sono abbastanza contento perché dopo le prove il team è riuscito a mettermi a disposizione una moto molto migliore – afferma Rinaldi -. Questo mi ha permesso di guidare come avrei voluto e chiudere nella top 10, risultato che dopo la Superpole sembrava lontano. Ancora mancano delle piccole modifiche perché dobbiamo migliorare nell’ultima parte di gara che, anche a causa del caldo, ho sofferto molto”.

Alessandro Delbianco ha chiuso 17esimo. “E’ stata una gara difficile in condizioni molto calde – afferma il portacolori della Honda del team Althea -. Sono un po’ dispiaciuto perché avrei voluto fare meglio. Cerco di dare il massimo ma la mia prestazione non è ancora sufficiente. Domenica lavorerò per migliorare il mio passo di gara, nella speranza di poter migliorare anche il risultato finale”.